Siamo la Scuola Secondaria di I° ” Giovanni  XXIII” di Varano Borghi sezione staccata dell’ Istituto  G. Leva di Travedona Monate. Siamo nella zona dei laghi della provincia di Varese, a circa 45Km da Milano e a 20km dall’areoporto di Malpensa. La scuola ha solo due sezioni con 110 alunni che provengono da Varano Borghi, Ternate e Comabbio.
scuola media

Il Varesotto

cartina lombardia

Profilo storico ambientale del paese

Varano panorama

Di origine antichissima, come testimoniano le stazioni di palafitte rinvenute nelle vicinanze,e di una certa importanza come rivelano le monete della Repubblica e dell’Impero Romano rinvenute nella palude Brabbia, nonchè alcune anfore provenienti dagli scavi per la costruzione della villa Borghi,è posto su un crinale al limite nord-orientale del lago di Comabbio.

In epoca mediovale Varano rientrava nel feudo di Angera che faceva parte del Contado del Seprio di cui era Signore l’arcivescovo di Milano.

Un atto notarile del 1689 attesta che Varano era di proprietà del marchese Trecchi di Cremona, che la cedeva in dote a una figlia,andata in moglie a un Litta, assieme alla sponda orientale del lago di Comabbio.

Alla fine del secolo XVIII Varano è di proprietà di Fedele Borghi di Gallarate, che possedeva anche Ternate, Biandronno e Corgeno.

Nel 1808 Varano diviene comune,staccandosi da Ternate e nel 1906 assume la denominazione di Varano Borghi.

I Borghi nel 1819 installarono sulla Brabbia(emissario del lago) un filatoio, nel 1841 allestirono una tessitura meccanica mossa sempre dalle acque della Brabbia e nel 1851 una motrice a vapore importata dall’ Inghilterra.

A poca distanza dalla fabbrica vennero realizzate le residenze dei dipendenti del cotonificio,che usufruivano anche di inusuali, per quell’epoca, servizi di assistenza.

Nel centro antico di Varano si ammira il vecchio campanile romanico di S. Andrea(citato nei documenti della Curia milanese del 1059),precedente alla chiesa omonima,eretta nel 1578 e demolita nel 1800.
Nel tratto in cui la Brabbia si stacca dal lago,in estate si verificava una splendida fioritura di fiori di loto bianchi e rosa.

Campanile romanico del Municipio

campanile-romanico-del-municipio

Torri del cotonificio di Varano Borghi

torri-tessitura-di-varano1

Sarebbe auspicabile che queste superbe torri della zona industriale del paese ormai in rovina,venissero un domani ristrutturate,riqualificate nel loro splendore e riconosciute come patrimonio nazionale a testimonianza di una delle più antiche e importanti filature-tessiture d’Italia e forse anche d’Europa.

Stemma di Varano Borghi (le due torri in campo separate dalla ruota rappresentano il cotonificio del paese)

stemma di varano borghi